Incendi boschivi

Gli incendi boschivi rappresentano una minaccia all'integrità delle foreste e degli ambienti naturali, oltre che generare pericolo all'uomo e alle sue opere.

Gli incendi iniziati per cause naturali, esclusivamente da fulmine, hanno importanza in alcune stagioni sfavorevoli, e possono essere considerati una variabile all’interno del ciclo biologico vegetale. Anch'essi tuttavia, possono rivelarsi pericolosi e quindi richiedono intervento di controllo e di spegnimento. Oltre il 90% degli incendi boschivi, tuttavia, è causato dalla mano dell'uomo, sia per imperizia e incuria, sia per dolo.

La vigente normativa regionale sull’antincendio boschivo suddivide il territorio regionale in zona bianca non classificata e zona classificata secondo tre diversi gradi di pericolosità (basso, medio, alto) indicati in cartografica con i colori giallo, arancio e rosso.

Cartografia

Pericolosità incendi boschivi

Si tratta delle aree definite nel Piano Regionale di Difesa del Patrimonio Forestale 1997-1999 (DPG n. 0136 del 17/04/1998).

  • Rischio incendi alto Pericolosità alta
  • Rischio incendi basso Pericolosità bassa
  • Rischio incendi medio Pericolosità media

Competenza stazioni forestali

  • Stazioni forestali 0 Competenza stazioni forestali

Stazione Forestale

  • Sf posizione Stazione Forestale, posizione

Cosa fare

Per prevenire un'incendio boschivo

  • Non gettare mozziconi di sigaretta ancora accesi dai finestrini dell'automobile.
  • Non accendere fuochi in prossimità dei boschi o quando c'è vento e la vegetazione è secca.
  • Non abbandonare rifiuti nei boschi: raccoglili e portali via.
  • Nelle zone più esposte agli incendi, attorno alle abitazioni e ai fabbricati, pulisci il terreno dalla vegetazione infestante e dai rifiuti facilmente infiammabili.

In caso di incendio boschivo

Chiama subito il numero unico delle emergenze 112, non pensare che altri l'abbiano già fatto!